Eppi News

PATRIMONIO NETTO A 1,3 MILIARDI E AVANZO OLTRE I 21 MILIONI

April 30, 2021

È di oltre 21 milioni di euro l’avanzo registrato dall’esercizio 2020 condotto dall’EPPI e sale di cinque punti percentuali rispetto al 2019 il patrimonio netto, attestandosi ad oltre 1,3 miliardi di euro. Sono i più evidenti positivi risultati economici raccolti dalla Cassa dei Periti Industriali nel documento di Bilancio proposto a fine marzo dal Consiglio di Amministrazione e definitivamente varato il 29 aprile 2021 dal Consiglio di Indirizzo Generale. A questi numeri, si affiancano 1,5 miliardi di euro di investimenti, espressi al valore di mercato, che hanno contribuito al positivo risultato con una redditività lorda pari al 2,29%: esiti tutt’altro che certi a fronte delle oscillazioni, anche emotive, che hanno contraddistinto le piazze finanziarie globali nell’anno della pandemia.

       Complessivamente quindi l’Ente di previdenza e assistenza dei Periti Industriali ha resistito all’onda d’urto della crisi, salvaguardando la sostenibilità e l’adeguatezza delle prestazioni e dei servizi a favore degli iscritti. Servizi che per quanto riguarda i benefici assistenziali tradizionalmente riconosciuti, sono valsi complessivamente circa 1,6 milioni di euro, con un beneficio medio pro-capite per i 470 richiedenti pari a 3.400,00 euro. Somma questa rientrante nei 2,8 milioni utilizzati per tutte le forme di assistenza, incluse le polizze assicurative a tutela della salute ad adesione collettiva, stipulate per un valore complessivo di 1,1 milioni di euro (Grandi interventi, Invalidità permanente, Check-up e Long Term Care).

       Dal punto di vista demografico, l’anno 2020 è stato caratterizzato dal consolidamento della popolazione iscritta a circa 13.400 unità. Ma gli effetti della crisi potrebbero essersi già manifestati, volgendo uno sguardo più specifico alla tipologia delle iscrizioni intervenute: su 580 nuove iscrizioni registrate, 139 sono reiscrizioni, ovvero riprese di attività di lavoro autonomo; dal punto di vista anagrafico ben il 52% è riferito alla fascia di età tra i 40 ed i 60 anni, di cui il 27,7% tra i 50 e 60 anni. Dati che fanno pensare ad un riposizionamento dal lavoro dipendente a quello autonomo. Questa dinamica potrà essere riscontrata solo con la dichiarazione dei redditi del 2020.

      “Sono risultati soddisfacenti – commenta il Presidente dell’EPPI Valerio Bignami - di fronte allo stress test a cui il sistema a tutti i livelli è stato sottoposto dalla pandemia ancora in corso. Un risultato che è frutto del lavoro collaborativo dei rappresentantati gli organi di governo e dei dipendenti che compongono la squadra dell’EPPI. Per il futuro, l’atteggiamento da mantenere è di resilienza, anche rispetto alle grandi aspettative legate al Recovery Plan: un’opportunità storica da cogliere e sviluppare con senso di responsabilità anche verso le nuove generazioni”.

btn tasto bilancio 2021

Via G. B. Morgagni, 30/E - Edificio C
00161 Roma
Tel +39 06 44001
(assistenza telefonica agli iscritti il lunedi', il martedi' e il venerdi' dalle 9 alle 12)
Fax +39 06 44001222
info@eppi.it - info@pec.eppi.it

PER CONTENERE EVENTUALI RISCHI DI DIFFUSIONE DEL VIRUS COVID-19 IL SERVIZIO DI RICEVIMENTO IN SEDE E' CONSENTITO ESCLUSIVAMENTE PREVIO APPUNTAMENTO.


VISUALIZZA
MEGLIO IL SITO

Credits
Privacy
Note Legali